TUTTI ZITTI, PER NON DISTURBARE ONORATO & COMPARI

Siamo un popolo strano, bisogna ammetterlo. Da conquistatori dei mari a timorati di Onorato. Sottomessi alle imposizioni di un personaggio senza scrupoli che attenta in lungo e in largo all'economia e alla libertà di questa povera terra.

E pensare che qualcuno mi accusa di essere spietato e di vivere con l'incubo di questo vessatore seriale.

La realtà è un'altra: anche un flebile sussulto appare un ruggito al cospetto del niente!

Nessuno che si indigni, da una classe politica inesistente, che non studia, non si applica, superficiale e cialtronesca, ad un silenzio mediatico che fa ancora più chiasso.

Ma come è possibile che, dinanzi ai dati, agli elementi inconfutabili che dimostrano che Onorato, pluripremiato dai soldi di Stato, ha palesemente discriminato i trasporti merci da e per la Sardegna, nessuno apra bocca?

I sardi pagheranno l'aumento del trasporto merci il 145% in più degli altri fruitori della continuità territoriale della Campania e della Sicilia! Anzi, in alcuni casi pagheranno molto di più anche di coloro che non hanno diritto alla continuità territoriale.

Un popolo succube! E non posso riferirmi solo agli autotrasportatori che subiscono e poi attraverso le committenze scaricano gli aumenti su tutti i sardi.

C'è una Sardegna intera che tace. E subisce.

Con un esercizio di manipolazione qualcuno cerca di edulcorare la notizia con la giustificazione delle nuove regole dell'emissione di zolfo. E fa risultare l'aumento in capo a tutte le compagnie: peccato che sia falso.

Onorato è titolare di un contratto pubblico, tutte le altre compagnie No.

Onorato intasca ogni anno 73 milioni di euro di soldi pubblici per garantire le stesse rotte che altri dispongono senza un euro di Stato.

Onorato, in quanto titolare di un contratto pubblico, aveva l'obbligo di adeguare le sue navi e nessuno glielo ha imposto!

E se l'adeguamento delle tariffe fosse corretto, ma non lo è per alcun motivo, mi spiegate perchè un sardo deve pagare il 145% in più di aumento rispetto al trasporto merci della Campania e della Sicilia?

Per quale maledetta disposizione deve esistere questa vergognosa discriminazione?

Ve lo spiego in poche parole: i siciliani sono temuti, i campani sono compari e i sardi sono un succube bancomat di Onorato!

La classe politica sarda è inesistente, a Cagliari come a Roma.

E i sardi dormono, alla faccia di Onorato che continua a sfruttare la Sardegna in lungo e in largo per i suoi affaracci!

C'è chi denuncerà ancora una volta questo ennesimo sopruso all'Autorità garante ma non lo potrà fare a vita!

Continuerò a ricevere insulti a manetta da quattro cialtroni servi di Onorato che mi attaccano perchè difendo la mia terra, ma non è detto che questo possa avvenire all'infinito.

Meglio svegliarsi, prima che sia troppo tardi!