TRAGHETTO GIRAGLIA: AGENZIA EUROPEA, SICUREZZA PASSEGGERI SCADUTA

"La sicurezza dei passeggeri a bordo della nave traghetto Giraglia è scaduta, secondo l'agenzia Tethis, il 29 aprile scorso. Quattro giorni prima dell'incidente che ha generato lo stop del traghetto in mezzo alle Bocche di Bonifacio. Lo riporta il sito dell'agenzia europea che si occupa di verificare le condizioni delle navi nel contesto europeo. Verifica effettuata a Bonifacio dopo l'incidente in banchina sul porto corso. E nella stessa visita ispettiva i tecnici di Thetis avevano decretato il mal funzionamento dei motori principali. Si tratta di un vero e proprio scandalo che conferma tutte le nostre denunce di questi mesi sulle carrette del mare che operano in Sardegna. Un tratto di mare pericolosissimo quello delle Bocche di Bonifacio che mette ancora una volta a repentaglio la vita delle persone per negligente e mancati controlli. Chi ha autorizzato la Nave traghetto Giraglia a solcare le bocche di Bonifacio il 2 maggio scorso? Chi ha verificato che le condizioni della nave fossero tali da permettere l'attraversata in piena sicurezza? Le autorità italiane erano a conoscenza del verbale redatto dall'agenzia Thetis il 25 aprile scorso a Bonifacio?".

Lo ha denunciato poco fa il deputato di Unidos Mauro Pili divulgando l'ultimo report dell'agenzia europea Thetis che il 25 aprile scorso aveva registrato l'ultima visita ispettiva sul traghetto.

"Appare evidente che siamo dinanzi all'arroganza e alla negligenza più assoluta considerato che ancora una volta si verificano situazioni dove l'incolumità dei passeggeri a bordo delle navi viene messa in pericolo. Un mese prima un'analoga visita ispettiva aveva messo sotto accusa il sistema antincendio con giudizi durissimi. Nonostante tutto la nave traghetto ha continuato ad operare. E' una vergogna tutta italiana, con strutture di controllo sicurezza che consentono queste situazioni nonostante le tante tragedie che hanno coinvolto cittadini italiani e non solo. Per questo motivo alla denuncia che presenteremo lunedì a Tempio allegheremo anche questi report europei per capire chi ha omesso e colpevolmente autorizzato la messa in esercizio di quella nave traghetto. Sulla sicurezza dei passeggeri tolleranza zero, basta carrette del mare" - ha concluso Mauro Pili.