PILI: FALLISCE LA CONTINUITÀ TERRITORIALE, PIGLIARU SI DIMETTA

LA REGIONE SAPEVA TUTTO DA SETTIMANE

PIGLIARU COMPLICE, SI DIMETTA

Il deputato: avevo denunciato i pasticci 6 mesi fa con il silenzio di tutti. Hanno deciso di schiantarsi.

"L'ennesimo fallimento di una giunta di incapaci che cancella la continuità territoriale dopo aver venduto la Sardegna all'Alitalia. Non ci sono attenuanti ora Pigliaru si deve dimettere. È complice del governo nel fallimento della continuità territoriale. La pseudo compagnia di Stato vuole lucrare sempre di più e adesso detta le condizioni per imporre altre truffe. La decisione del governo attraverso i commissari Alitalia conferma la truffa ai danni della Sardegna. Il ministro all'isolamento Del Rio si conferma un nemico della Sardegna, continuando ad ingannare i sardi con la piena e totale complicità di Pigliaru e Deiana. È ovvio che la decisione di Alitalia commissariata dal governo di non partecipare ha un totale appoggio del governo Gentiloni. Si tratta di un colpo letale ai finti proclami sull'insularità di fanfaroni di Stato e di Regione. Il tutto è noto da settimane, per giunta con atti scritti. La Regione sapeva quel che stava succedendo ma non ha mosso un dito per evitare il disastro. Tutto questo conferma la complicità della Regione in questa decisione di Alitalia".

Lo ha dichiarato poco fa il deputato di Unidos Mauro Pili denunciando l'ennesimo imbroglio sulla continuità territoriale e il fallimento della gara d'appalto.

"Le scorse settimane - spiega Pili - i concorrenti della gara hanno formalizzato un quesito per chiarire l'offerta economica chiedendo di aggiornare, in aumento, il costo del carburante. Un incremento ulteriore che ovviamente non poteva essere accolto in quanto la gara già in essere. La Regione nella risposta ha replicato dicendo che si impegnava ad aumentare il guadagno della compagnia solo dopo il primo semestre. A quel punto è scattata la decisione di Alitalia di non partecipare. Con una strategia molto chiara: la trattativa privata dove imporrà aumenti e guadagni. Tutto questo proprio perché nessun altra compagnia ha partecipato ad un bando sotto accusa da parte della commissione europea per i tanti pasticci denunciati da mesi. Quindi Alitalia è pronta alla trattativa privata per truffare altro denaro alla Sardegna".

"Quel carteggio di quesiti - denuncia Pili - è la prova provata dell'inganno studiato a tavolino. Con la certezza che la Regione sapeva tutto e il suo silenzio è stato il lascia passare per questo fallimento pilotato della gara. Segnalerò tutto in giornata all'Autorità anticorruzione perché valuti tutto il carteggio e il successivo ricorso alla trattativa privata".

"Se Pigliaru avesse un minimo di dignità politica e istituzionale si dimetterebbe. Con questo nuovo fallimento e conseguente nuova sottomissione al governo si è toccato il fondo. Le chiacchiere sull'insularità ci hanno riportato indietro di 15 anni. È ora - ha concluso Pili - che si facciano da parte per eccesso di incapacità".