DIECI DOMANDE PER LA PINOTTI: COSA CI FACEVA UN ELICOTTERO MILITARE A ORROLI A DIECI METRI D'ALTEZZA?

Al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della difesa, al Ministro dell'interno - Per sapere - premesso che:

uno scarno comunicato dell’aeronautica militare informava di un incidente occorso nella giornata giovedì 13 aprile nelle campagne di Orroli, nel centro della Sardegna;

il comunicato riportava la seguente evasiva formula comunicazionale: “In relazione alla notizia relativa all’incidente che ha coinvolto un elicottero del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare, durante la fase di rientro alla Base di Decimomannu al termine di una missione operativa, si puntualizza che il velivolo, seguendo un percorso di volo pianificato, per cause in corso di accertamento, impattava, tranciandolo, un cavo elettrico non segnalato della bassa tensione. Peraltro, i danni materiali riportati dall’elicottero sono stati di entità tale da non pregiudicarne il volo, né la sicurezza del personale a bordo. Appena l’elicottero è rientrato a Decimomannu, il Comando della Base ha prontamente provveduto ad informare le Autorità competenti, così come previsto dalla normativa e dalle procedure in vigore. Allo stesso tempo, l’Aeronautica Militare ha nominato una Commissione d’Investigazione per fare piena luce sulla dinamica dell’accaduto”; 1. per quale motivo un elicottero dell'aeronautica in esercitazione a Quirra sorvolava a bassa quota la zona di Orroli sino a tranciare un cavo elettrico di bassa tensione;

  1. se e per quale motivo era stato autorizzato e da chi un piano di volo che attraversasse quell’area e se nel piano di vole fosse previsto un sorvolo a tale bassissima quota;

  2. se e per quale motivo il velivolo stava volando a tale quota senza disporre della necessaria visibilità tale da non accorgersi di un cavo di bassa tensione della distribuzione elettrica?

  3. se intendano le autorità aeronautiche denunciare la società elettrica per mancata segnalazione del cavo aereo considerato il rischio corso;

  4. se, invece, non si debbano fornire chiarimenti esaustivi, senza alcuna omissione sulle ragioni di un sorvolo a così bassa quota per altro non compreso in alcuna dichiarata esercitazione militare;

  5. se l’aeronautica ha ricevuto richiesta di danni da parte della società elettrica;

  6. se l’impatto è avvenuto passando sopra o sotto il cavo elettrico a bassa tensione;

  7. se non intendano far conoscere gli esiti della commissione d’investigazione nominata dall’aeronautica militare;

  8. se non ritenga il ministro delle infrastrutture e trasporti disporre un’immediata inchiesta da parte delle autorità civili preposte e se quel volo radente era stato comunicato ed eventualmente autorizzato;

  9. se si trattava di un’esercitazione autorizzata dal Comipa e a conoscenza della regione autonoma della Sardegna;